Domande frequenti su Audio Mixer
tutto
FAQ sull'amplificatore di potenza
FAQ su pagamento e spedizione
Domande frequenti sul profilo aziendale
Domande frequenti sul microfono
Domande frequenti su Audio Mixer
FAQ su SPEAKER

Domande frequenti su Audio Mixer

Cos'è un gruppo / bus mixer?

Cos'è un raggruppamento mixer? Il raggruppamento consiste nel raggruppare diversi segnali di ingresso simili insieme, quindi inviare ciascun gruppo di canali all'uscita principale. Perché abbiamo bisogno di un segnale di gruppo? Quando si immettono molti segnali, se si desidera regolare ogni canale durante la performance, questo è un lavoro molto grande ed è impossibile farlo allo stesso tempo (a meno che non siate Squidward Tentacles). Ma se puoi raggrupparli in un bus, puoi regolare il volume direttamente da un fader del bus. Il bus di solito può essere controllato come un singolo canale di ingresso, consentendo agli ingegneri di controllare l'intero gruppo di segnali contemporaneamente. Il raggruppamento dei canali di uscita può essere utilizzato per creare casse di risonanza o registrazione esterna, o altoparlanti di ritorno, così come l'uscita del segnale della sede della filiale, ecc., Molto flessibile. Per esempio: In una festa su larga scala, usi un mixer a 32 canali con 6 gruppi, il microfono dello strumento ha 16 ingressi; il microfono vocale ha 8 ingressi; altri microfoni lavalier e microfoni con auricolare hanno 8 ingressi ; In un'esibizione dal vivo, se si desidera regolare l'uscita del microfono dello strumento, è molto difficile regolare i singoli canali. A questo punto, può essere risolto dalla funzione di raggruppamento. È possibile dividere il segnale di ingresso del microfono dello strumento a 16 canali in 1-2 bus , quindi è possibile controllare la parte del microfono dello strumento tramite 1-2 bus fader, risparmiando almeno l' 80% del carico di lavoro. Il segnale del microfono vocale può anche essere basato sui bus demand1 -2, il microfono lavalier e il microfono dell'auricolare sono gli stessi. In questo modo, gli ingegneri possono controllare facilmente l'uscita del segnale dell'intera performance.

Cose da cercare quando si acquista un mixer

Se hai esplorato l'enorme selezione di strumenti di mixaggio di Musician's Friend, sai che ci sono molte possibilità là fuori. Oltre all'ovvia domanda del tuo budget, ecco un elenco di cose da considerare mentre restringi la selezione di mixer a un breve elenco di quelli più adatti alla tua situazione. Applicazione: Utilizzerai il tuo mixer per registrare, suonare dal vivo o entrambi? Se si desidera utilizzarlo esclusivamente per la registrazione, la qualità del preamplificatore microfonico e la possibilità di collegare processori esterni sono fattori importanti. Per l'uso dal vivo, assicurati che il mixer sia compatibile con il tuo sistema audio esistente e offra connettività ed elaborazione del suono sufficienti per gestire l'intera band. Anche la robustezza è importante: i mixer di struttura fragile non reggeranno a lungo i rigori della strada. I / O e canali: Considera quanti microfoni devi collegare. (Un drum kit microfonato può utilizzare fino a cinque o più ingressi da solo.) Se prevedi di utilizzare microfoni a condensatore, avrai bisogno di ingressi microfonici che forniscano alimentazione phantom. Inoltre, se la tua band include tastiere stereo e altri strumenti simili, ti serviranno canali stereo sufficienti per adattarli. Se prevedi di collegare chitarre o bassi direttamente al mixer, avrai bisogno di ingressi diretti sufficienti anche per loro. È sempre meglio consentire l'headroom ottenendo più I / O e canali di quelli attualmente necessari. Le band hanno l'abitudine di crescere nel tempo sia in termini di giocatori che di equipaggiamento. Autobus e instradamento del segnale: Queste funzioni possono essere più importanti quando si tratta di registrazione. Se utilizzi molti mix speciali come feed per apparecchiature di registrazione, monitor, cuffie e mix di effetti esterni, avrai bisogno di maggiore flessibilità di routing e percorsi del segnale. Funzionalità EQ: Quanto sono sofisticate le tue esigenze di equalizzazione? In generale, la registrazione in studio richiede una regolazione più fine del suono per addolcire il tuo mix. Potrebbero essere necessari equalizzatori parametrici multibanda per ottenere il livello di qualità del suono desiderato. D'altra parte, per un missaggio più semplice del suono dal vivo, tutto ciò che serve è un semplice controllo sulle frequenze basse, medie e alte. Effetti e altri processori audio: Ti affidi a preamplificatori microfonici esterni, pedali effetti e altri strumenti di regolazione del tono per produrre il suono che desideri prima del mixer? In tal caso, gli effetti del mixer interno e i processori del suono sono meno critici. D'altra parte, un mixer con effetti interni ed elaborazione del suono rende una configurazione molto portatile quando si suona dal vivo.

Mixer analogici vs digitali vs software

I mixer analogici esistono da quasi tutto il tempo che esistono registrazioni audio e sistemi PA. A partire dagli anni '90, i mixer digitali hanno iniziato a entrare nel mondo dell'audio professionale. Da allora, le loro capacità sono cresciute così come la loro convenienza. A partire dalla prima parte del 21 ° secolo, il missaggio basato su software è diventato una realtà quando i computer sono diventati più potenti e l'hardware correlato è stato sviluppato. Daremo una breve occhiata alle capacità, ai punti di forza e ai punti deboli di ogni tipo. Mixer analogici Nonostante la maggiore versatilità dei loro fratelli digitali, i mixer analogici rimangono popolari grazie al loro costo generalmente inferiore e alla facilità d'uso. Poiché le loro funzioni sono controllate da manopole fisiche, fader e interruttori, il loro funzionamento può essere un po 'più intuitivo delle tavole armoniche digitali. Lo svantaggio della loro dipendenza dai controlli fisici è l'ingombro generalmente più ampio del mixer analogico, uno svantaggio negli studi domestici affollati e sui palchi angusti. Molte persone trovano il segnale del mixer analogico e l'instradamento dell'hardware più facili da comprendere a colpo d'occhio poiché tutto è fisicamente presente piuttosto che essere nascosto nei menu delle numerose schermate di stato di una tavola armonica digitale. Sia i mixer analogici che quelli digitali sono in grado di trasmettere un suono di altissima qualità. La qualità e il design dei loro circuiti elettronici, specialmente i preamplificatori microfonici, e nel caso del mixer digitale, il suo convertitore analogico-digitale (ADC), hanno la maggiore influenza sulla qualità del suono. La maggior parte degli ingegneri del suono concorda sul fatto che i microfoni e gli altoparlanti con il loro grado intrinsecamente maggiore di colorazione e distorsione sono le maggiori barriere alla fedeltà assoluta del suono. Detto questo, preamplificatori microfonici ben progettati che aumentano l'uscita del microfono senza aggiungere colorazioni o distorsioni sono fondamentali per un buon suono. I circuiti e i componenti di alta qualità negli stadi di guadagno del mixer e nell'instradamento del segnale ridurranno al minimo il sibilo che inevitabilmente si verifica con i mixer analogici. Prodotto Audio Audio professionale a 16 canali integrato DSP Effetti digitali Console mixer EFX 16 Mixer digitali Per modifiche istantanee al routing del segnale, dinamiche di segnale flessibili ed estese e una straordinaria gamma di possibilità di effetti, un mixer digitale è difficile da battere. Con il semplice tocco di un pulsante, è possibile attivare il routing e gli effetti preprogrammati che sarebbero impossibili da realizzare anche per un polpo di talento su un mixer audio analogico! Alcune schede digitali sono compatibili con plug-in software che estendono ulteriormente le loro capacità di modellazione del tono. Possono anche cavalcare la mandria con un feedback temuto, prevenendo gli ululati e gli strilli prima ancora che inizino. Un'altra caratteristica interessante è il gating automatico che silenzia i canali con poco o nessun segnale che li attraversa. Uno degli enormi vantaggi dei mixer digitali è la loro capacità di salvare e richiamare i mix. Molti utilizzano unità flash USB o memoria interna per memorizzare le impostazioni delle performance passate. Questo rende l'allestimento in un luogo che è stato salvato facilmente. Anche in una nuova sede, richiamare i mix da luoghi simili può essere un grande risparmio di tempo durante i controlli del suono. Alcuni mixer digitali consentono di pre-programmare i mix utilizzando un computer portatile, quindi quando si arriva al concerto sono necessari solo aggiustamenti di precisione del suono. Alcuni mixer digitali avanzati dispongono di fader motorizzati che rispondono alle configurazioni salvate. Un potenziale svantaggio dei mixer digitali deriva dalla loro versatilità. La loro enorme flessibilità ha un prezzo: la curva di apprendimento per padroneggiare tutte le possibilità offerte dal tuo mixer può essere ripida. Detto questo, come qualsiasi dispositivo digitale complesso, di solito non è essenziale apprendere ogni funzione: la possibilità di salvare le impostazioni e configurare l'interfaccia in base alle proprie esigenze può aiutarti a superare la sua complessità. Il modo in cui è progettata l'interfaccia utente farà una grande differenza nella rapidità con cui puoi padroneggiare le funzioni che devi conoscere. Parlare con altri utenti di mixer, uscire su forum audio professionali, leggere recensioni e dare un'occhiata a demo e tutorial ti aiuterà a trovare i mixer che offrono una curva di apprendimento più delicata. Prodotto : Router WiFi integrato in modalità 16 Input Channel Digital X AIR XR16 APP Mixer per IPad / Android Mixer software Un laptop opportunamente configurato, un software di missaggio e una superficie di controllo compatta possono farti entrare nel gioco del missaggio senza gli ingenti problemi di spazio e budget dei mixer analogici e digitali standard. È disponibile un software di produzione musicale per eseguire praticamente tutto tramite l'elaborazione e il routing del segnale che è possibile ottenere con un mixer fisico. Oggi esistono semplici app di missaggio audio che ti consentono di eseguire missaggi audio di base utilizzando il tuo smartphone o tablet IOS o Android. Utilizzati per la registrazione, i mixer software ti consentono di integrare facilmente strumenti virtuali, campioni, loop di batteria e molto altro nelle tue produzioni. La maggior parte delle applicazioni mixer supporta funzioni MIDI avanzate e l'utilizzo di una workstation audio digitale (DAW) basata su computer apre un enorme mondo di possibilità, incluso l'uso di una tastiera controller MIDI per creare e registrare la tua musica. Come con i mixer digitali fisici, le curve di apprendimento possono essere ripide quando ti immergi per la prima volta nel missaggio software e lo stesso consiglio si applica: parla con altri musicisti che usano applicazioni di missaggio, leggi le recensioni degli esperti e controlla le numerose recensioni dei clienti che troverai online su MusiciansFriend.com. Mixer amplificati Se stai cercando un mixer per gestire le tue esibizioni dal vivo e gli altoparlanti principali e di monitoraggio non sono alimentati, un mixer amplificato elimina la necessità di trasportare e configurare amplificatori di potenza separati per pilotarli. I mixer audio amplificati sono disponibili in un'ampia gamma di dimensioni e configurazioni. Possono gestire qualsiasi cosa, da un cantante-chitarrista acustico solista che utilizza uno o due microfoni, una chitarra elettroacustica e altoparlanti di dimensioni modeste, a una band in piena regola con una gamma completa di microfoni, strumenti elettrici e potenti altoparlanti principali e monitor . I mixer amplificati offrono la maggior parte delle campane e dei fischietti che troverai sui mixer non alimentati in termini di opzioni di routing, elaborazione degli effetti, equalizzazione e molto altro. Come per qualsiasi acquisto di mixer, dovrai calcolare gli ingressi e le uscite totali di cui hai bisogno, nonché la potenza necessaria per pilotare i tuoi cabinet PA e monitor da palco.

Terminologia del mixer: nozioni di base

Mentre acquisti un mixer, ti imbatterai in termini che potrebbero non essere familiari. Per aiutarti a decifrare le specifiche e le caratteristiche di cui leggerai, offriamo il seguente glossario che ti aiuterà a navigare attraverso tutte queste informazioni. Canali Un canale è essenzialmente un percorso del segnale. Un mixer con un numero elevato di canali consente di collegare e instradare più cose attraverso di esso. I canali sono generalmente progettati per accettare microfoni e / o dispositivi a livello di linea come amplificatori, preamplificatori o processori di segnale. (Microfoni e strumenti come chitarre e bassi emettono segnali elettronici che hanno un livello molto più basso rispetto ai dispositivi a livello di linea.) Channel Strip Una striscia di canale è un gruppo di circuiti e controlli che funzionano insieme su un dato canale del mixer per influenzare i segnali audio che lo attraversano. Questi di solito includono: - un jack di ingresso dove uno strumento esterno, un microfono, ecc. si collega al mixer. Gli ingressi XLR sono bilanciati per ridurre al minimo il rumore e le interferenze. Altri ingressi accettano connettori RCA o TRS da un quarto di pollice. -   un preamplificatore microfonico che prepara il segnale del microfono relativamente debole per l'elaborazione portandolo a livello di linea -   l'equalizzazione, abbreviata in EQ, regola la risposta in frequenza del segnale -   elaborazione dinamica che può includere compressione o gating (discussa di seguito) -   routing che dirige il segnale ad altri circuiti del mixer e dispositivi esterni -   un fader, che scorre lungo una traccia per controllare l'ingresso o l'uscita di un canale -   un misuratore che mostra visivamente l'uscita di ogni canale I / O Questa abbreviazione si riferisce agli ingressi / uscite di un mixer. Il numero e il tipo di ingressi e uscite di cui avrai bisogno dipende da come intendi utilizzare il mixer. In una situazione di mixaggio del suono dal vivo, ad esempio, avrai bisogno di un mixer con abbastanza ingressi per gestire la combinazione di microfoni e altri dispositivi ad esso collegati più le uscite per collegare i tuoi altoparlanti principali e monitor. A seconda dei tipi di altoparlanti utilizzati, il mixer potrebbe dover fornire alimentazione per pilotare gli altoparlanti principale e di monitoraggio. Per mixare le registrazioni, d'altra parte, ti consigliamo di considerare quanti artisti e strumenti dovrai catturare simultaneamente. Il calcolo dell'I / O per i mixer da studio dovrebbe includere anche altri dispositivi che faranno parte della catena del segnale e del processo di registrazione. Questi includono processori di segnale ed effetti, preamplificatori microfonici, cuffie, altoparlanti monitor e strumenti che si collegano direttamente al mixer utilizzando scatole DI (iniezione diretta). AUTOBUS DI GRUPPO Gli autobus possono essere visualizzati come intersezioni di circuiti in cui si incontrano l'uscita di diversi canali. Ciascun canale del mixer indirizza i propri segnali a un bus o gruppo di bus specifico. Il bus del master mix, che è alimentato dai fader dei canali, invia l'uscita principale del mixer agli altoparlanti e / o oa un registratore. I bus ausiliari (chiamati anche mandate ausiliarie o bus ausiliari) possono essere alimentati dai controlli del volume dei canali a cui sono collegati e inviare quei segnali tramite i propri jack di uscita. Questi sono indicati come mandate post-fader. I bus Aux possono anche funzionare indipendentemente dal volume del canale e vengono quindi chiamati mandate pre-fader. Queste uscite sono utili per inviare un mix specifico di segnali a cuffie, processori di effetti o altoparlanti monitor. Gruppi I mixer con numerosi canali hanno spesso una funzione di gruppo che consente di controllare ed elaborare più canali collettivamente. Un gruppo funziona come un sub-mixer, condividendo la stessa elaborazione e instradamento del segnale, e poiché tutti i canali sono controllati con un singolo fader, l'uscita al bus master è più facilmente controllabile. Ad esempio, tutti i microfoni utilizzati su un drum kit possono essere assegnati a un singolo gruppo, consentendo un facile controllo del suono e del volume complessivi della batteria. Alcuni mixer che consentono il raggruppamento dei canali hanno anche una funzione di silenziamento. Ciò è utile quando si desidera silenziare un gruppo di ingressi o aprire microfoni, come quando si fanno annunci sul palco. Alcuni mixer più avanzati offrono anche una funzione "scena" che consente di memorizzare varie configurazioni di gruppo di canali silenziati e non silenziati. Inserti Un channel insert consente di collegare processori audio esterni come compressori ed equalizzatori a canali specifici, solitamente dopo lo stadio di preamplificazione del canale. Su mixer più grandi potrebbe esserci un patch bay che consente il collegamento di numerosi dispositivi esterni. Uscita diretta Questi consentono di alimentare l'uscita del preamplificatore del mixer a interfacce audio esterne e sistemi di registrazione. Sistema di cue Utilizzando il sistema di cue è possibile ascoltare sui canali selezionati senza influire sull'uscita del mixer. Di solito il segnale viene inviato a un amplificatore per cuffie o altoparlanti monitor. I sistemi di cue di solito consentono l'ascolto del segnale prima o dopo che il fader lo ha influenzato. L'ascolto pre-fader, abbreviato in PFL, ti consente di ascoltare il segnale originale senza inviarlo a un mix di segnali. L'ascolto after-fader (AFL) consente di isolare il segnale interessato dal fader, il che è utile per la risoluzione dei problemi dei segnali. Alcuni mixer più grandi hanno una funzione Solo In Place (SIP) che silenzia ogni canale diverso da quello campionato, una caratteristica utile quando si eseguono controlli del suono.